top of page
  • Immagine del redattoreElena Fratini

L' Abuso Edilizio nel Superbonus

Come condiziona il Superbonus 110 un Abuso Edilizio?


Premesso e accertato che il superbonus 110% è un'ottima possibilità per il miglioramento energetico e strutturale dell'edificato


esistente, la nuova detrazione fiscale (come anche le precedenti) si scontra su un muro enorme chiamato "abuso edilizio". Mentre per le detrazioni fiscali previste per le singole unità immobiliari la situazione è abbastanza semplice, per quanto concerne le agevolazioni fiscali previste per gli interventi sulle parti comuni le condizioni sono decisamente più complesse. La domanda spesso è: può la violazione di una singola unità immobiliare inficiare la fruizione di un beneficio da parte di tutto il condominio? Alla domanda s può rispondere con la normativa edilizia alla mano ovvero il DPR n. 380/2001 (c.d. Testo Unico Edilizia) che all'articolo 49 (Disposizioni fiscali) recita: 1. Fatte salve le sanzioni di cui al presente titolo, gli interventi abusivi realizzati in assenza di titolo o in contrasto con lo stesso, ovvero sulla base di un titolo successivamente annullato, non beneficiano delle agevolazioni fiscali previste dalle norme vigenti, né di contributi o altre provvidenze dello Stato o di enti pubblici. Il contrasto deve riguardare violazioni di altezza, distacchi, cubatura o superficie coperta che eccedano per singola unità immobiliare il due per cento delle misure prescritte, ovvero il mancato rispetto delle destinazioni e degli allineamenti indicati nel programma di fabbricazione, nel piano regolatore generale e nei piani particolareggiati di esecuzione. Quindi alla domanda "può la violazione di una singola unità immobiliare inficiare la fruizione di un beneficio da parte di tutto il condominio?" l'unica vera e plausibile risposta è "DIPENDE" e, come sempre, sarà compito di un professionista preparato verificare le condizioni dell'abuso. Il punto di partenza sarà sempre il certificato di conformità urbanistica che consentirà di verificare se l'immobile presenta una difformità o un abuso edilizio (attenzione non parlo della planimetria catastale che non ha alcun valore dal punto di vista probatorio). Dalla verifica della conformità urbanistica, sarà possibile stabilire se l'immobile è in regola oppure no e, in quest'ultimo caso, l'entità dell'abuso. Su un immobile realizzato senza titolo edilizio è pacifico affermare che lo stesso non potrà godere di alcun beneficio fiscale. Nel caso invece di abusi di lieve entità (2%), è stabilito che non c’è decadenza dalle agevolazioni fiscali Prima di avventurarsi in lavori avventati senza le adeguate coperture economiche e nella speranza di "ristrutturare gratis" ....facciamo attenzione!





33 visualizzazioni0 commenti

Komentarze


bottom of page